Basta favole! I possibili danni della pratica del ballo

Ogni giorno siamo sommersi da “spottoni” sul ballo.

<<il ballo fa bene alla pressione>>

<<fa dimagrire>>

<<rinforza le ossa>>

In modo più o meno superficiale (spesso molto superficiale) si cerca di fare la lista di tutti i fantasmagorici benefici che si può ottenere se iniziamo a praticare la danza come attività costante.

A detta di tutti sembra una vera e propria favola, ballerini che vivono in un mondo incantato dove tutti sono felici, in perfetta forma, in armonia e sintonia con partner e compagni di scuola, tutti pienamente realizzati e soddisfatti.

È davvero così?

Si, nel 10% dei casi sicuramente!

Nel restante 90% ci sono persone che amano alla follia questa fantastica disciplina che però devono scontrarsi con molti lati oscuri che la pratica del ballo comporta.

Il ballo è veramente una disciplina fantastica, ma se non siamo seguiti nel nostro percorso è facile incappare in molti tranelli che possono rendere il nostro soggiorno nel mondo del ballo un vero e proprio incubo.

THE DARK SIDE OF THE DANCE

(il lato oscuro del ballo)

Come i Pink Floyd (o per i più moderni i Transformers di Michael Bay) raccontavano il lato oscuro della luna noi oggi andremo ad osservare il lato oscuro della danza.

-Non raccontiamoci ca***te, il nostro sport se non viene preso per il verso giusto può avere effetti devastanti sulla persona, molto più di altri sport.-

Quali sono questi danni?

Andiamo a scoprirli assieme, in modo che chi desidera praticare ballo sappia i pericoli che ci sono e prenda le giuste contromisure per prendersi i benefici senza prendersi i danni.

1- DANNI ALLA COPPIA

-Come si crea il danno-

Si parte da questi, perché sicuramente sono tra i più comuni nel nostro sport.

Cosa succede in pratica?

Una coppia che pratica ballo da un po’ di tempo cerca di fare “qualcosa in più”, inizia a praticare allenamenti, ballare più seriamente e magari partecipare a qualche competizione.

Inizialmente tutto bene, dopo poco tempo invece si presentano le seguenti problematiche:

-Incapacità di gestire le emozioni.

-Mancanza di equilibrio nel dialogo di coppia.

-Inizio delle “ripicche” e battibecchi sempre più frequenti.

Se una coppia viene lasciata libera di gestirsi al 100% sotto questo aspetto in molti casi si arriva a raggiungere livelli di autolesionismo molto elevati. Marito e moglie litigano, si portano a casa i malumori dell’allenamento e ogni volta si hanno già le basi pronte per una nuova litigata.

Chi non ha praticato ballo costantemente non può nemmeno immaginare quando si è sotto stress in un allenamento quante cose è facile far uscire dalla bocca senza accendere il cervello.

Coppie che si offendono pesantemente a vicenda, altre che si strattonano, altre ancora che addirittura si picchiano!

Lo so, sembra una barzelletta, ma purtroppo è una realtà molto frequente.

Ho visto alcune coppie che sono state costrette a smettere di ballare dicendo:

<< menomale abbiamo smesso, altrimenti dovevamo divorziare >>

E’ mai possibile tutto ciò?

-Come possiamo evitare il trappolone-

Avete mai visto Dog Whisperer?

Dog Whisperer è un programma dove Cesar Millan (specialista nella rieducazione canina) mostra al mondo come sia possibile tirar fuori il meglio da qualsiasi tipo di cane, dandogli i giusti strumenti per trovare il suo equilibrio.

Cosa può insegnarci Cesar a noi ballerini?

1- Non esistono cani aggressivi per natura.

Le situazioni, l’ambiente, ciò che crediamo e che sia ha intorno condiziona il nostro modo di comportarsi.

Se una coppia nella vita di tutti i giorni ha delle tendenze o delle credenze sbagliate, potete star certi che nel ballo si presenteranno moltiplicate per mille!

Non esiste la coppia che deve litigare per forza, esiste soltanto la coppia che ha abitudini e credenze sbagliate, cosi come Cesar cambia completamente il comportamento dei cani cambiando le loro abitudini e le loro “credenze” (se così possiamo chiamarle), lo stesso può fare un buon maestro con la coppia litigiosa.

2- I cani hanno bisogno di un “Capobranco” che dona l’energia giusta.

Allo stesso modo dei cani, i ballerini (specialmente se litigiosi) hanno bisogno di un maestro che sia riconosciuto ai loro occhi come “Leader” e che infonda loro la giusta energia.

Non necessariamente il maestro deve essere severo e duro come un gerarca Nazista!

Anzi, spesso il maestro deve mostrare calma e sicurezza, acquisendo autorità tramite le sue correzioni che devono diventare INSINDACABILI nella mente dei due litiganti.

3- I cani hanno bisogno di sfogare le proprie energie in varie attività,
altrimenti “scoppiano”.

Ergo, il ballo non deve diventare una ragione di vita.

I ballerini devono ballare perché amano il ballo, perché sono appassionati e desiderosi di migliorare.

La passione non è mai abbastanza, ma occhio a non far si che fare bene una figura diventi un metro per quantificare la felicità del vostro rapporto di coppia.

Perché così facendo siete sicuramente sul sentiero dell’autodistruzione.

Fate altre attività in coppia, svagatevi, STUDIATE BALLO ASSIEME, cercate di capire assieme dove nascono gli errori e come risolverli.

Un lavoro pianificato a tavolino rende complici e fa percepire l’idea di GIOCO DI SQUADRA necessaria come l’aria quando balliamo!

Si potrebbe estrapolare decine di altri insegnamenti dalla filosofia di insegnamento di Cesar Millan, ma oggi purtroppo dobbiamo andare avanti…..

2- I DANNI MORALI

-Come si crea il danno-

No, nessuna assicurazione sarà disposta a pagarvi di danni morali “da danza”!

Però posso assicurarvi che si sono persone che escono dall’esperienza “ballerina” segnati in modo negativo, persone che ballano per passione ma credono che il ballo le faccia sentire inadatte, incapaci, INFERIORI.

Persone che si sentono fallite perché non sono riuscite ad imparare a ballare alla stessa velocità dei loro amici, altre che partecipano a competizioni finendo sempre in lacrime e tragedie quando il risultato non è dei migliori.

Ha senso tutto questo?

NO!

Perché succede?

Spesso succede per errore degli insegnanti, che si occupano solamente di insegnare passi e figure non pensando mai al fatto che una persona che si avvicina alla danza abbia bisogno anche di altre decine di informazioni.

Quanto pretendere da se stessi, come darsi gli obbiettivi, quando dover pretendere di più e quando invece accontentarsi.

Non si può lasciare una coppia libera di decidere tutto ciò, è una cosa più grande di loro.

Un vero insegnate deve saper guidare la coppia durante tutti questi percorsi decisionali FONDAMENTALI per capire il nostro posto nel mondo della danza.

Per l’insegnante è un lavoro molto difficile, è più facile illudere una persona che tutti abbiamo le solite capacità (chi vuole può tutto ecc..), cercando di ammazzarsi in ogni santo giorno della sua vita per far si che le proprie coppie sopravanzino AD OGNI COSTO le coppie avversarie.

Questa è una mentalità sbagliata che rende la maggior parte delle coppie costantemente infelici dei risultati in competizione.

-Come evitare il trappolone-

Il lavoro deve partire innanzitutto dall’insegnante.

L’unico che può insegnare alla coppia quanto può pretendere da se stessa e quando lo può pretendere.

Tutti dicono siamo tutti uguali, con il duro lavoro si arriva ovunque, basta crederci….

Purtroppo la realtà dice il contrario!

Non siamo uguali per niente, con il duro lavoro si migliora (ma non si arriva ovunque), crederci è fondamentale se si hanno obbiettivi realistici.

Non voglio assolutamente essere un distruttore e infondere uno spirito di rassegnazione in chi ha difficoltà….

Voglio solo farvi capire che ogni persona è diversa, ha mezzi e possibilità diverse ed in base ad esse deve stabilire un corretto piano di crescita per gioire dei suoi progressi in modo totalmente spensierato.

Alle competizioni di ballo per esempio chi “NON ARRIVA” è perennemente scontento, si sente preso in giro dai giudici e messo in secondo piano rispetto ai suoi competitors.

L’insegnante invece di preoccuparsi di trovare la “spinta”, “l’aiutino”, la croce dell’amico, la luna in capricorno, dovrebbe preoccuparsi seriamente di dare obbiettivi motivanti alla coppia.

Stabilire qual’è l’obbiettivo (che a volte può essere diverso dal risultato in gara), la propria zona di “dominio” in gara, tutte cose fondamentali per evitare di cadere nella spirale dell’insoddisfazione.

Molte volte avere una coppia, che pur non avendo ottenuto un buon risultato in gara, dice di essere soddisfatta (portando buone motivazioni) è la miglior soddisfazione per un maestro perché è la garanzia di aver lavorato bene anche sotto il profilo di approccio mentale.

UN UNIVERSO DI PROBLEMATICHE

Imparare a ballare, o peggio iniziare a competere senza avere la giusta formazione per far fronte a queste problematiche è sicuramente come mettersi in viaggio nel deserto senza nessun tipo di equipaggiamento.

Le strategie, un corretto modo di ragionare per ottenere il meglio dalle proprie possibilità, capire il perché a volte accontentarsi ti può dare una grande spinta verso il miglioramento.

Tutti argomenti che meriterebbero una trattazione esaustiva…..

Oggi però credo che abbiate già molte informazioni su cui ragionare ed iniziare a riflettere!

In futuro sicuramente torneremo sicuramente su questo “scottante” tema.

Visita il sito www.sosdanza.com

Leggi il nostro blog www.archiviodanza.com

Commenti

commenti

By |2018-09-03T10:35:01+00:003 settembre, 2018|Danza Argomenti Generali|1 Comment

About the Author:

Nato a Firenze nell’ottobre del 1985, inizia a ballare all’età di 13 anni. Finalista in molti Campionati Italiani, fin dall’età di 17 anni si appassiona all’insegnamento. Giovane, ma già con un notevole bagaglio di esperienze, crede fermamente che l’insegnamento debba essere il più possibile personalizzato in base alle caratteristiche dell’allievo.

One Comment

  1. Daniele 3 settembre 2018 at 13:13 - Reply

    Bellissimo post azzeccato al 100%,purtroppo anche maestri bravi tecnicamente non sono all’altezza di poter gestire uno sport complicato sotto il piano emotivo,relazionale,in cui partecipano una miriade di variabili oltre che tecnico sportive anche di relazione tra due individui.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.