Gestisci le emozioni per ballare!

Quando si parla di coaching per lo sport, ma più in generale di coaching, una delle cose che possiamo imparare a padroneggiare, più di quanto riusciamo ad immaginare, sono le nostre emozioni.

Oggi vi voglio regalare qualche tecnica che puoi realmente applicare per intervenire sul tuo stato emotivo e per “spostarlo dove desideri”.

E tu che balli per passione (o per professione!) ti accorgerai di quanto quello che ti dirò potrà esserti utile, per esempio, per gestire le emozioni negative prima e/o durante una competizione.

Ma facciamo un passo alla volta, e poi entriamo nel dettaglio.

Prima di iniziare a parlare di gestione delle emozioni, voglio che tu sappia da quali presupposti teorici, ma non solo, si muove la disciplina del coaching in PNL.

Gli esseri umani, anzi, l’individuo nella sua singolarità e soggettività è in grado di avere il pieno controllo di quattro sfere della sua esistenza:

  • Pensieri
  • Parole
  • Azioni
  • Emozioni

Si, proprio così: non esistono scuse, non esistono alibi: tu se l’unico in grado di controllare proprio queste quattro sfere della tua vita. Pensaci!

Una cosa fondamentale che devi sapere è che Pensieri, Parole, Azioni ed Emozioni sono strettamente collegate tra loro, e se riesci ad assumere il controllo dei primi, i pensieri, a cascata potrai prendere davvero il mano la tua vita.

Contro ogni aspettativa, sarai in grado di dare un nuovo corso alla tua esistenza, senza fare apparentemente nessuna fatica.

Voglio raccontarti quanto tu sia in grado di controllare Pensieri, Parole, Azioni ed Emozioni, utilizzando due metafore diverse, che porterò avanti per tutta l’analisi in corso.

Userò come metafora il giorno prima di una importante competizione di ballo a cui dovrai partecipare, per quanto riguarda lo sport.

E invece userò la metafora della ricezione di una bolletta molto salata della luce, per quanto riguarda la vita di tutti i giorni.

Seguimi attentamente, passo dopo passo, dai pensieri alle emozioni, e capirai come poter davvero intervenire in modo positivo sulla tua esistenza.

Ti svelo un piccolo segreto: puoi anche invertire l’ordine dei tuoi interventi, ed iniziare a modificare qualcosa nelle tue azioni, nelle tue parole o nelle tue emozioni, e di conseguenza anche gli altri ambiti si troveranno modificati in meglio.

Cosa significa questo? Che se riesci ad intervenire anche solo su una di queste quattro sfere di dominio della soggettività, potrai ottenere di conseguenza ottimi risultati anche nelle rimanenti tre.

Ma adesso partiamo, e partiamo dal Pensiero.

CONTROLLA I TUOI PENSIERI, PUOI FARLO

Domani c’è la gara!”

Chi è che può decidere, in ogni momento ed in ogni circostanza, a cosa o a chi pensare?

Tu, solo tu puoi decidere in un dato momento specifico di pensare o non pensare, per esempio, a quanto ti senti pronto per la gara a cui parteciperai domani. Solo tu puoi decidere se pensare a questa gara in termini ottimistici o pessimistici. Sei nel pieno controllo e potere di quello che la tua mente produce. E se in un momento di poca lucidità ti dovesse capitare di accorgerti che un pensiero ti sta sfuggendo di mano, e sta andando in una direzione che non desideri che prenda, ecco, tu in quel momento sei padrone di controllare il tuo pensiero, di riprenderne le briglie e di fargli cambiare la direzione, farlo tornare sulla retta via, lontano da ansie e da preoccupazioni.

Sono sicuro che sarai rimasto colpito da questa mia affermazione, dall’idea cioè che puoi controllare totalmente la direzione che il tuo pensiero prende, ma ti assicuro che è proprio così. Devi solo abituarti a pensare che lo puoi fare!

La bolletta sta scadendo!”

Ed ora arriviamo all’esempio di vita quotidiana: una bolletta molto salata che scadrà a breve.

Ecco, puoi decidere di non pensarci, puoi decidere consapevolmente di deviare il tuo pensiero dalla preoccupazione per la bolletta. Sei nel pieno controllo, anche in questa occasione.

E tu starai pensando “Non posso non pensarci: devo pagarla!”.

E io ti rispondo che invece devi smettere di pensarci, e devi agire.

Ed inoltre spetta solo a te se pensare ad una scadenza come questa in termini negativi o meno.

Invece di stare tra te e te a rimuginare su come sarà prosciugato il tuo conto in banca dopo aver pagato tutte le scadenze in agguato, inizia a pensare, per esempio, a come modificare in meglio la tua condizione economica.

I pensieri solo tu puoi decidere che strada devono prendere.

CONTROLLA LE TUE PAROLE, PUOI FARLO

Domani c’è la gara!”

Se c’è un’altra cosa su cui puoi intervenire il giorno prima della gara sono le parole che usi quando ne parli!

Le parole creano il mondo: hanno un altissimo potere performativo; anche solo il semplice pronunciare un’affermazione ha la forza quasi magica di proiettare la realtà verso quella direzione.

Quindi devi stare davvero molto attento alle parole che decidi di usare quando parli di un evento, che sia passato o che sia futuro.

Parlare con il tuo partner della gara che avverrà il giorno seguente, influirà in modo estremamente potente sulla performance che riuscirete ad ottenere.

Sia in senso positivo sia in senso negativo.

Le parole hanno il potere di direzionare la realtà, come se riuscissero a concretizzarsi materialmente nell’atto che andrai a compiere.

E, dato per appurato che è proprio così che succede, decidi allora di utilizzare sempre parole ed affermazioni positive quando ti troverai a parlare della gara che si svolgerà domani.

Usa parole positive, parla in modo ottimistico dei risultati che otterrai, crea nella tua testa, attraverso le tue parole, la giusta atmosfera per affrontare la sfida.

La bolletta sta scadendo!”

Allo stesso modo, decidere di affrontare una scadenza, come quella che può essere una bolletta da pagare, utilizzando parole positive e senza cascare nel tunnel della disperazione, permette al tuo cervello di attivarsi positivamente e proattivamente alla ricerca di una soluzione alla problematica che ti si presenta davanti.

Affrontare la difficoltà con parole di paura, sconforto, rabbia o disgusto, non farà altro che mettere il tuo stato emotivo, e quindi conseguentemente anche la tua posizione psico-fisica, in modalità passiva e quindi non utile alla risoluzione del problema.

Aggredire verbalmente il problema creerà soltanto uno stato d’animo di rabbia o autobloccante.

Usare parole utili e costruttive è l’unico modo affinché la tua composizione fisiologica e mentale sia impostata in una direzione realmente valida alla risoluzione del problema.

CONTROLLA LE TUE AZIONI, PUOI FARLO

Domani c’è la gara!”

Sapendo che domani parteciperai ad una gara molto importante per te, è inutile solo mettere in campo i tuoi pensieri e le tue parole, se poi le azioni che metti in campo non sono in linea con il raggiungimento del maggior livello di performance possibile.

Dopo che avrai costruito pensieri positivi ed edificanti, ed avrai parlato con spirito positivo della gara alla quale parteciperai, anche le tue azioni dovranno essere in linea con quanto avrai pensato e detto.

Quali sono tutte quelle azioni che gioveranno alla gara di domani?

Dovrai decidere di ripassare alcuni passi?

Dovrai andare a letto presto? O cenare meno pesante?

Una di quelle cose che vengono spesso sottovalutate sono le azioni che dovrò mettere in atto preventivamente ad un alto stato agonistico di performance.

Da oggi, invece, come dai importanza a ciò che pensi e che dici, dovrai fare attenzione anche a tutte le azioni che metti in atto nel periodo precedente alla gara.

Arrivare stanco, appesantito, dolorante al momento della competizione, non solo ti creerà limiti fisici, ma ti metterà anche in una condizione psicologica ed emotiva di disagio: questo stato sicuramente comprometterà il livello dei risultati che potrai realmente raggiungere.

La bolletta sta scadendo!”

Ed eccoci ad un esempio pratico e quotidiano: la bolletta sta scadendo e devo sbrigarmi a pagarla!

E allora agisci, pagala!

Se il problema è l’assenza di denaro per pagarla, metti in atto tutte le azioni che puoi per risolvere il tuo problema di soldi e trovali!

Devi agire agire e agire!

Non devi rimuginare e bloccarti! Prima spara e poi prendi la mira.

E iniziando ad agire e a mettere in atto una serie di azioni in previsione di un risultato, ti accorgerai immediatamente che stai entrando in un circolo virtuoso di azioni che, in una logica inappuntabile, sono mirate al raggiungimento del tuo obiettivo.

E mentre stai agendo, ti accorgerai di quanto questo ti venga davvero naturale. E ti sentirai sciocco per tutte quelle volte in cui in passato hai procrastinato e non sei mai realmente stato predisposto ad agire veramente.

Da oggi non succederà più, perché sei consapevole che iniziando ad agire attiverai nel tuo cervello un’insieme di connessioni che ti porteranno in modo molto più veloce là dove vuoi andare.

CONTROLLA LE TUE EMOZIONI, PUOI FARLO

Domani c’è la gara!”

Nel pensare comune se è plausibile controllare pensieri, parole ed azioni, si è portati a credere che invece sia assolutamente impossibile farlo quando si sta parlando di emozioni!

Invece, quello che voglio che tu sappia è che anche le emozioni possono essere gestite consapevolmente dalle persone. Da chiunque, anche da te.

La leggenda che ci raccontiamo per crearci alibi quotidiani è quella delle emozioni che “ti prendono”, come se fossero entità estranee a te che dall’alto arrivano e prendono il controllo di te, quasi privandoti del libero arbitrio.

Io credo che questa visione sia inverosimile, e che sia utilizzando in buona o cattiva fede da persone pigre che non sono in grado di assumersi con se stessi la responsabilità delle proprie emozioni (e quindi di conseguenza dei propri pensieri, delle proprie parole e delle proprie azioni).

Sei tu che decidi che emozione provare il giorno prima di quella gara tanto attesa. Sei tu che decidi se sentirti bloccato e impaurito oppure galvanizzato ed euforico, pimpante e reattivo.

Sta solo a te essere in pieno controllo delle tue emozioni.

E lo potrai fare agendo sui tuoi pensieri, le tue parole e le tue azioni.

Il segreto che devi sempre ricordarti è che se agisci su uno solo di questi elementi, sarai in grado di intervenire positivamente anche sui restanti tre.

E il livello delle tue performance seguirà inevitabilmente il tuo stato emotivo.

Non succede mai niente di diverso da quello che ti aspetti.

La bolletta sta scadendo!”

Niente paura, niente terrore, niente vergogna. Le emozioni che provi ti appartengono completamente.

E se hai difficoltà a pagare quella bolletta ormai prossima alla scadenza, un insieme di emozioni negative non farà altro che aumentare la percezione di difficoltà che stai provando.

Emozioni positive, emozioni costruttive, emozioni consapevoli sono quelle di cui hai bisogno per superare i momenti incerti o di difficoltà.

Se nella tua mente risuonano emozioni e pensieri positivi, sei sicuramente un passo più vicino alla soluzione.

E ci arriverai molto prima di quanto tu stesso puoi immaginare.

Adesso, quello che vi chiedo è di azionare consapevolmente in voi i giusti pensieri, le giuste parole, le giuste azioni e le giuste emozioni che vi saranno utili in qualsiasi occasione da oggi in avanti.

Nel prossimo articolo vi regalerò alcune tecniche e strategie pratiche per intervenire prontamente sulle tue emozioni, al fine di plasmarle e costruirle così come ti servono in qualsiasi momento.

A presto!

Visita www.sosdanza.com

Leggi altri articoli su www.archioviodanza.com

Commenti

commenti

About the Author:

Ideatore e co-fondatore del marchio MarketingSpecifico. Esperto di comunicazione efficace e persuasiva, coaching e PNL, si occupa da tempo di molte tematiche collegate alla comunicazione in tutte le sue forme ed espressioni.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.